Laura Mancinelli,
La Sacra Rappresentazione
ovvero Come il forte di Exilles fu conquistato ai francesi
,
Torino, Einaudi, 2001

di Patrizia Arquint

     Primi anni del Settecento, Val di Susa. La bella e saggia vedova Ballon convince il parroco don Giasset che anche a Exilles, come già in tutti i paesi circonvicini, si debba organizzare una sacra rappresentazione, e si dedica quindi, con grande abilità diplomatica, a coinvolgere la popolazione, in particolare i possibili finanziatori. Succede poi che uno scherzo organizzato da alcuni buontemponi invidiosi delle fortune amorose di don Giasset (dovete sapere che don Giasset ha un'affettuosa amicizia con la bella e saggia vedova Ballon) venga scambiato per un miracolo; che la vedova Ballon e don Giasset vengano opportunamente visitati da sogni e visioni Infine la sacra rappresentazione si fa, col concorso di tutta la popolazione e della locale guarnigione francese, e la mattina dopo c'è una sorpresa. Anche in questo libro, come in tutti quelli della stessa autrice, tono leggero, carinerie e massima attenzione alla roba da mangiare.