Nerio Alessandri,
Wellness. Scegli di vivere bene! La filosofia di Mr. Technogym,
Milano, Mondadori, 2001

di Domenico Balducci

     Nerio Alessandri è il fortunato fondatore della Technogym, azienda nota a tutti i frequentatori di palestre perché produce ottime attrezzature per il fitness. Dev'essere poi, l'Alessandri, un entusiasta di quello che fa e che pensa, se in questo libro tiene a proporci la sua personale idea di come conviene stare al mondo, idea che, da bravo imprenditore, ha riassunto in un marchio, Wellness (registrato, a scanso equivoci) e in uno slogan: "se non hai fretta d'invecchiare, muoviti".

     Il messaggio, in poche parole, è che per star bene si deve raggiungere l’armonia tra fisico, mente e spirito, e non pensare solo ai muscoli come hanno sinora fatto i patiti del fitness (per non parlare di quelli del body-building). Non è un'idea nuovissima e questo Alessandri lo sa (anche lui conosce l'antico detto "mens sana in corpore sano"), ma è convinto che sia ampiamente disattesa a favore del culto narcisistico del corpo. L'allenamento, invece, non dovrebbe essere fine a sé stesso, ma servire ad avviare un circolo virtuoso che, partendo dall'efficienza fisica, permetta di sentirsi meglio sul piano psicologico e mentale, di migliorare l'autostima, di realizzarsi pienamente.

     Una buona parte del libro è dedicata a illustrare i principî di una corretta attività fisica: si deve operare con continuità, senza mai strafare; curare sia l'allenamento cardiovascolare che la tonificazione muscolare che la flessibilità di muscoli e articolazioni; scegliere una palestra che offra un servizio di qualità oppure organizzarsi una piccola palestra domestica, facendosi in ogni caso guidare da istruttori qualificati.

     Un'altrettanto consistente parte del libro, poi, è dedicata agli aspetti globali dello stile di vita wellness. Si deve mangiare bene, evitando il junk food e abbondando nei vegetali, senza farsi traviare dagli estremismi alimentari alla moda; bere acqua in quantità e alcool con moderazione; respirare con profondità, in maniera completa e non dimezzata; combattere lo stress mantenendo un giusto distacco e, all'occorrenza, applicando opportuni esercizî di rilassamento; dare spazio al pensiero, alla riflessione, all'immaginazione, evitando l'impoverimento mentale e i pensieri negativi; dormire con regolarità evitando le notti in bianco e i recuperi del mattino successivo; abitare in una casa sana, tenendo sotto controllo gli inquinanti occulti e le fonti di allergia; non fare come quei forzati delle vacanze che vogliono concentrare nei fine settimana tutto quello che non riescono a fare nel corso dell'anno.

     Come si vede, Mr. Technogym distilla la sua ricetta di vita dalle più recenti acquisizioni delle scienze tradizionali e dalle più convincenti indicazioni fornite dalle filosofie alternative degli ultimi vent'anni (yoga, zen, meditazione trascendentale, pensiero positivo, new age e così via). D'altronde, il lato interessante del libro è proprio questo: vedere che cosa ha in testa una persona come Alessandri, giovane imprenditore rampante e di successo (la Technogym, che Alessandri fondò nel 1983, quando aveva ventidue anni, è ora leader mondiale nel settore, e lui, a quarant'anni è il più giovane cavaliere del lavoro d'Italia). Ci si poteva aspettare un libro grondante delle parole d'ordine degli yuppies: lavoro, successo, denaro, eleganza, bellezza. Invece quello che traspare è buon senso e moderazione.

     Anche gli yuppies stanno cambiando.